Santa Bernadetta Soubirous e la Madonna di Lourdes

 

Redazione (Domenica, 12-05-2019, Gaudium Press) Quella che prima era una semplice fanciulla di un paesino sperduto della Francia, Lourdes, oggi è una grande santa venerata in tutto il mondo, sto parlando di Santa Bernadetta Soubirous, all'epoca conosciuta come Maria Bernarda, figlia di una famiglia povera.

L'11 febbraio 1858 (il giorno che tutti ricordano come l'apparizione di Lourdes) faceva molto freddo e in casa di Bernadette era finita la legna. Così Bernadette insieme a sua sorella e a un'amica, furono mandate a cercare dei rami secchi nei dintorni del paese.

1.jpg

Ed ecco le tre bambine giungere vicino alla Rupe di Massabielle, che formava, dalla parte del fiume, una piccola grotta. Proprio dentro quella grotta, vi era un bel pezzo di legna ma per prenderla, bisognava attraversare un canale d'acqua che proveniva da un mulino e si gettava nel fiume.

Antonietta (sorella di Bernadetta) e l'amica indossavano gli zoccoli senza calze e se li tolsero per entrare nell'acqua fredda. Bernadetta soffriva d'asma e portava le calze, chiese all'amica di prenderla sulle spalle ma l'amica si rifiutò e discese sulle acque del fiume con Antonietta. A quel punto Bernadetta rimase sola.

Pensò allora di togliersi le calze e gli zoccoli ma venne distolta da un forte rumore provenire dalla grotta e fu accecata da una forte luce d'oro, e la splendida "Signora" che poi si presenterà come L'Immacolata Concezione, apparve alla fanciulla.

Istintivamente la fanciulla, vedendo la bella Signora s'inginocchio ed estrasse dalla tasca la corona del rosario, si mise a pregare e la bella Signora si univa alla recita soltanto quando pregava il Gloria al Padre, durante la posta dell'Ave Maria, ascoltava in silenzio.

Quando terminò il santo rosario, la bella Signora scomparve per poi apparire altre tre volte e presentarsi sempre come L'Immacolata Concezione.

Era in questo modo che Bernadetta vedeva la bella Signora: «vestita di bianco, con un nastro celeste annodato alla vita e con le estremità lunghe fin quasi ai piedi».

Intanto in quella grotta piovevano quantità insormontabili di miracoli: i ciechi riacquistavano la vista, i sordi riavevano l'udito, gli storpi venivano raddrizzati. Questa volta furono gli scienziati, prima a indignarsi, poi a stupirsi, e poi a convincersi che ciò che stava accadendo andava aldilà della scienza.

Il corpo di Bernadetta

Bernadetta divenne suora presso il convento di Saint Gildard, Casa madre delle «Suore della Carità». Lì tutt'oggi si trovano le spoglie del suo corpo riesaminate per ben tre volte, intatte da 124 anni dopo la morte. Il suo corpo misura un metro e quarantacinque centimetri.

Al noviziato di Nevers, Bernadette giunse nel 1866. Senza mai muoversi, («Sono venuta qui per nascondermi», disse arrivando) vi trascorse 13 anni, fino alla morte, il 16 aprile 1879. (Rita Sberna)