Nascerà in estate "La cittadella dell’inclusione"

 

Pozzuoli (Lunedì, 22-04-2019, Gaudium Press) Nella nostra società odierna esistono tante ferite da curare fisicamente e spiritualmente, in qualche modo è una società ferita ecco perché nasce "La cittadella dell'inclusione" che si aprirà entro quest'estate grazie alla diocesi di Pozzuoli presso la sede centrale del Centro educativo diocesano "Regina Pacis", a Quarto.

Ecco cosa dice in merito mons. Gennaro Pascarella, vescovo di Pozzuoli: "L'idea della Cittadella dell'inclusione nasce tenendo presente gli Orientamenti pastorali della Chiesa italiana per il decennio che si sta concludendo, dedicati all'educazione. Abbiamo soprattutto puntato ad aiutare tutti i tipi di povertà, non solo attraverso un aiuto materiale".

2.jpg

Continua mons. Pascarella - "L'obiettivo, è far sì che il nostro non sia solo un educare teorico ma concreto, attraverso una formazione spendibile nella vita, avviando, quindi, i giovani anche ad attività concrete. Sarà una Cittadella dell'inclusione che avrà sullo sfondo l'educare in questa accezione più ampia". La scelta, è di operare, con continuità, attraverso un intervento globale: oltre all'elemento fisico del dare da mangiare, c'è l'elemento educativo e anche una risposta alle necessità psicologiche. L'équipe di psicologi aiuterà a prendersi carico della persona nella sua totalità. Il progetto parte perché sono venute a nostra conoscenza delle necessità".

Ah proposito di ferite! In questo periodo si parla tanto di abusi sessuali sui minori, grazie ad alcuni progetti d'intervento, si viene a conoscenza di molte situazioni gravi da risolvere come ad esempio il progetto Integra di cui parla sempre mons. Pascarella: "Adesso ci apriamo ad altre ferite grosse che ci sono, come gli abusi a danno dei minori. Attraverso il progetto Integra veniamo a conoscenza di tanti minori che hanno questo tipo di difficoltà e quindi la Cittadella dell'inclusione nasce anche come una risposta della nostra Chiesa a queste sofferenze". "È un progetto, dunque che non è nato a tavolino, ma che viene fuori dalla vita: abbiamo già individuato persone concrete che inseriremo nei nostri percorsi".

D'altronde si parla tanto di accoglienza ma l'accoglienza va poi accompagnata dall'inclusione in un contesto sociale, culturale e familiare. Dell'accoglienza, Papa Francesco parla tanto durante le sue udienze e angelus, una volta disse anche che "Senza integrazione meglio non accogliere" e per questo "La cittadella dell'inclusione" oltre ad accogliere queste persone ferite cercherà di includerle come dice il nome stesso della struttura.

Concludiamo con queste parole illuminanti di Papa Francesco: "L'incontro con l'altro è anche incontro con Cristo. Ce l'ha detto Lui stesso. È Lui che bussa alla nostra porta affamato, assetato, forestiero, nudo, malato, e carcerato, chiedendo di essere incontrato e assistito. E se avessimo ancora qualche dubbio, ecco la sua parola chiara: «In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me". (Rita Sberna)